Certamente sì. Purchè siano ditte esterne che non si pongono in conflitto con la scuola e con le finalità educative. Se l'esercizio commerciale esterno volesse vendere dei prodotti nocivi o comunque in contrasto con la finalità educativa, chiaramente il contratto di sponsorizzazione non potrebbe avere luogo.